Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Da quando i primi casi sono stati segnalati in Cina alla fine dell’anno scorso, la pandemia di coronavirus si è diffusa in tutto il mondo, infettando milioni di persone in tutto il mondo. Tuttavia, c’è un continente che Covid-19 non ha raggiunto: l’Antartide.

Tenere a bada il coronavirus in questo continente non è stato un compito facile, dato che l’Antartide è attualmente in piena estate, il periodo dell’anno in cui il numero di scienziati e personale militare è ai massimi livelli.

In totale, ci sono circa 80 basi in Antartide, che abitualmente ospitano circa 5.000 persone provenienti da paesi come Stati Uniti, Cile, Argentina, Regno Unito, Spagna e Cina.

I ricercatori sono addestrati a vivere in isolamento e seguire le regole di igiene pubblica e i protocolli sanitari per combattere le malattie all’interno.

La maggiore distanza sociale ha eliminato i pochi incontri amichevoli che i ricercatori normalmente godevano, senza eventi sportivi e sci.

[Foto da Pixabay]