Gli animali antartici adattati al freddo

Gli animali dell’Antartide sono esposti ad alcuni degli ambienti più freddi della terra. Gli animali sopravvivono in queste condizioni difficili riducendo la percentuale di calore corporeo che viene disperso nell’ambiente. Questo viene fatto o con mezzi fisici (generalmente evoluti in diverse generazioni) o tramite modelli di comportamento.

Adattamento fisico

1. Pelliccia spessa, antivento o impermeabile

Molti animali antartici hanno una pelliccia antivento o impermeabile. I pinguini imperiali ne sono un ottimo esempio. Questi uccelli hanno quattro strati di piume squamose. Questi strati si sovrappongono, formando una buona protezione contro il vento, anche in condizioni di bufera di neve.

2. Spessi strati di grasso

Balene, foche e alcuni pinguini hanno spessi strati di grasso. Questi strati di grasso fungono da isolante, trattenendo il calore corporeo all’interno. È come avvolgersi in una coperta, ma dentro. In alcuni animali, questo è ancora meglio, poiché possono ridurre selettivamente il flusso sanguigno agli strati di grasso. Più il sangue è lontano dalla superficie della pelle, meno calore viene perso.

Gli strati di grasso possono essere utilizzati anche come riserva energetica, ad esempio il maschio elefante marino può vivere senza riserve di grasso durante l’estate.

3. Le piccole “estremità”

Il termine “estremità” è utilizzato per qualsiasi parte del corpo rimossa dal corpo principale. Negli esseri umani, le mani ei piedi sono chiamati “estremità”. Questi sono spesso i primi posti freddi in inverno. Lo stesso vale per gli animali. I pinguini imperiali hanno zampe molto piccole, il che significa che è necessario meno sangue per queste aree, quindi si perde meno calore.

4. Adattamento specializzato per pinguini imperiali

I pinguini imperiali si adattano bene agli ambienti freddi, essendo gli unici animali che si riproducono durante l’inverno antartico. Oltre agli adattamenti sopra descritti, i pinguini imperiali hanno anche camere nasali che recuperano gran parte del calore perso attraverso la respirazione, vene e arterie strettamente allineate, che consentono a questi uccelli di riciclare il proprio calore corporeo.

Adattamenti comportamentali

Come per gli adattamenti fisici, i pinguini imperiali hanno adattamenti comportamentali unici che consentono loro di sopravvivere a inverni rigidi. I pinguini imperiali formano grandi gruppi. Ciò non solo consente la distribuzione del calore corporeo, ma protegge anche molti pinguini dagli effetti del vento. Alternando i pinguini esposti al vento, questo vantaggio viene condiviso equamente nel gruppo. La fertilizzazione può ridurre la perdita di calore fino al 50%.

[Photo from Pixabay]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.